Russi? non è solo un’abitudine!

set 23, 2013   //   by Communication   //   Blog  //  No Comments

Russi? Lo sai che può essere una malattia? Sfatiamo un mito!

 

Lo sapevi che russare può essere sintomo di una patologia molto seria la SINDROME delle APNEE OSTRUTTIVE DEL SONNO che spesso non viene diagnosticata e che ha conseguenze molto gravi sulla qualità della tua vita?

a cura della Dottssa Maria Celeste Billi, responsabile della diagnosi e cura delle patologie del sonno presso lo Studio Face & Smile_group del dr. Pier Carlo Frabboni.

 

 

Non si tratta solamente di infastidire chi dorme vicino a te, la sindrome delle apnee ostruttive del sonno ed il russamento sono malattie! Credete non sono abitudini normali! …

Il sonno è un processo fisiologico fondamentale per il nostro corpo e per il nostro stato di salute psico-fisico, aiuta a rigenerarci sotto molti punti di vista e senza di esso non si può vivere, ma purtroppo può essere colpito da patologie.

Tra i disturbi del sonno, che sono moltissimi, esistono anche quelli legati alla respirazione come il RUSSAMENTO o RONCOPATIA e la SINDROME DELLE APNEE ostruttive del SONNO, che sono molto frequenti e purtroppo poco conosciuti e diagnosticati.

Tutti noi conosciamo il russamento, con il suo rumore caratteristico che tanto infastidisce chi ci sta vicino, ma come si produce? E’ dovuto durante l’inspirazione alla vibrazione dei tessuti che costituiscono le vie aeree, quando queste sono più strette del normale, inoltre di notte la muscolatura è più rilassata e questo favorisce il loro collasso.

L’apnea invece è rappresentata dalla completa ostruzione delle vie aeree per almeno 10 secondi ed è spesso accompagnata dal russamento insieme a tanti altri sintomi come:

- stanchezza durante il giorno

-irritabilità

-mal di testa

- scarsa attenzione

-facilità ad addormentarsi in situazioni particolari

-calo della libido

e si classifica essere lieve, moderata o grave in base al numero delle apnee.

Queste patologie colpiscono maggiormente gli uomini adulti di mezz’età (45-55 anni) ma possono colpire anche le donne, soprattutto con l’avvicinarsi della menopausa. Secondo alcuni recenti studi scientifici ne è colpita quasi il 10% della popolazione di questa età!

Inoltre chi si avvicina ai 60 anni ha un rischio molto alto di esserne affetto, anche senza saperlo, infatti secondo recenti studi scientifici interessa quasi l’80% delle persone in questa fascia d’età!

Esistono anche dei fattori di rischio che predispongono a queste malattie, come:

- alcuni disordini del metabolismo

- diabete

-obesità e sovrappeso

-caratteristiche ortodontiche particolari (ad esempio avere una mandibola piccola)

-fumo

-assunzione di farmaci

-alterazioni otorinolaringoiatriche

Scrivi un commento